Tomm More – La canzone del mare

L’arrivo di una sorellina porta sempre scombussolamenti in casa, soprattutto se poco dopo la mamma scompare. E se la mamma fosse una selkie (una creatura mitologica capace di trasformarsi da foca a essere umano)? E se il nostro mondo fosse popolato da creature magiche di cui ignoriamo l’esistenza? E se la loro sopravvivenza dipendesse da una canzone dimenticata?

Perché vedere questo film: Il film è una gemma poco conosciuto nel mondo dell’animazione contemporanea, curato in ogni dettaglio: dalla trama ispirata alla mitologia irlandese ai suoi disegni che ricordano un acquerello alle musiche che si rifanno alle tradizioni celtiche. (D. Sciuto)


Lusso da scioperati 

Così Giovanni Verga definì, con una consapevole dose di provocazione, l’arte del suo tempo. E oggi? Che cosa resta e che valore ha l’espressione artistica, culturale, letteraria, musicale, teatrale? Che spazio occupa tutto ciò che non è “lavoro”?
In questo momento difficile,  noi del gruppo cultura, ‘scioperati’  nelle ambizioni corali per forza maggiore, continuiamo a pensare che  quello che è detto lusso sia un bisogno primario del nostro mondo e allo stesso tempo una inesauribile linfa di vita.

Condividi sui social:

Lascia un commento