Un Premio di Laurea può portarti a… – Eumeca S.r.l. – Ingegneria Meccanica – part 1

Sono quotidiane le opportunità che questi robot potrebbero risolvere, legate soprattutto alla sicurezza

Massimiliano Piccioli
Alessandro Bevilacqua intervista Massimiliano Piccioli CEO Eumeca srl e Massimo Governatori sull’oggetto del premio di laurea che Eumeca ha finanziato in sviluppo e applicazioni di robot collaborativi ed esoscheletri.

[A.B.] Nelle scorse settimane abbiamo avuto modo di conoscere Massimiliano Piccioli, di Eumeca. Oggi lo ritroviamo, buongiorno Massimiliano, ben bentrovato!

[M.P.] Ciao, Alessandro ben trovato.

[A.B.] Abbiamo con noi oggi anche Massimo Governatori che è il referente del gruppo network di Vivat Academia, nonché ingegnere laureato in ingegneria dell’automazione, quindi competente in quello che è l’argomento che andremo a trattare oggi. Argomento che riguarda appunto il premio di laurea messo a disposizione da Eumeca.

[M.P.] Negli anni, come azienda che si occupa di ingegneria meccanica, siamo stati coinvolti in tante attività che spesso non avevano delle soluzioni chiare perché le tecnologie che erano attualmente in commercio non erano abbastanza mature. Si sono sviluppate nel tempo, stanno prendendo sempre più piede, delle nuove tecnologie molto molto interessanti. Queste nuove tecnologie, mi sono accorto, potrebbero risolvere tanti dei problemi dei nostri clienti. Ragione per cui ci è sembrato un argomento molto interessante da intavolare per l’Università per poter studiare soluzioni innovative che possono favorire la sicurezza, l’affidabilità. Tante piccole problematiche che attualmente, con le tecnologie odierne, non trovano riscontro.

[A.B.] Massimo, che ruolo ha Vivat Academia in tutto questo?

[M.G.] Vivat Academia, come ormai sappiamo, cerca di creare questo ponte che permetta agli studenti universitari di muovere i primi passi nel mondo del lavoro, e proprio questo si riferisce il nostro motto “oltre l’Università” ma diciamo anche un invito a rimanere in contatto dopo gli studi, a fare network, condividere esperienze, creare nuovi momenti di incontro insieme. Il premio di laurea per lo sviluppo di applicazioni di robot collaborativi ed esoscheletri di cui andiamo a parlare oggi è stato finanziato appunto da Eumeca per premiare una tesi meritevole nell’ambito dell’automazione industriale ed in particolare della robotica. Questo, come ha già accennato Massimiliano, è un tema sempre più attuale e sotto molteplici aspetti sia dal punto di vista dell’impatto sociale che questi sistemi stanno avendo sul mondo del lavoro classico sia da quello della complessità tecnica dei problemi che stanno aiutando a risolvere. Giusto Massimiliano?

[M.P.] Assolutamente vero. Sono quotidiane le opportunità che vedo che questi robot potrebbero risolvere, legate soprattutto alla sicurezza, legate ad aspetti che spesso non vengono presi in considerazione quali le malattie professionali per quello che riguarda i lavori ripetitivi, e legate alla convivenza robot-macchina per quello che riguarda le difficoltà di integrazione per eventuali interferenze. Quindi sono veramente tante le problematiche che questi robot possono risolvere. Possiamo anche vedere il grafico di crescita di questi robot nel corso degli anni. Da dati ultimissimi, del 2021, se tralasciamo, in questo grafico che stiamo guardando, il 2020 in cui c’è stata una leggera flessione rispetto all’anno precedente, si vede che la proiezione, e io personalmente ho grossa fiducia in questa proiezione, è esponenzialmente crescente. Se arriva una crescita, insomma il grafico parla da solo, milioni di dollari sulla sinistra e crescita percentuale annua sulla destra: quindi una crescita costante che vada intorno al 15-20 per cento annuo. E non è un caso. Vuol dire che è una soluzione che sicuramente viene molto apprezzata dalle aziende e ancora forse si sta faticando a capire tutte le reali opportunità che questi il cobot possono offrire.

[A.B.] Per informazioni vi invito a raggiungere il sito di Vivat Academia che ricordo è www.vivatacademia.org e lì trovate tutte le informazioni relative al premio di laurea e la modulistica necessaria per la candidatura. Massimiliano, Massimo io vi ringrazio e avremo modo di rivederci più avanti nell’ultima fase di questo progetto che si concluderà appunto con l’assegnazione e con la cerimonia di premiazione dei premi di laurea. Grazie a tutti, grazie dei vostri interventi e ci aggiorniamo a presto.

[M.G.] Grazie a voi, arrivederci.

[M.P.] Arrivederci.

Condividi sui social:

Lascia un commento