Conosciamo Fabio Sassoli – CEO Neocodex

… crediamo veramente tanto che sul nostro territorio attraverso l’Università di Bologna, l’Alma Mater, si avvicinino sempre più studenti a queste tecnologie

Fabio Sassoli
Alessandro Bevilacqua intervista Fabio Sassoli CEO di Neocodex srl che ha messo a disposizione i fondi per il premio di laurea in Intelligenza Artificiale

[A.B.] Siamo con Fabio Sassoli, Ceo di Neocodex, una software house con sede a Modena. Ciao Fabio, benvenuto.

[F.S.] Ciao Alessandro, grazie.

[A.B.] Raccontaci un po’ di che cosa vi occupate.

[F.S.] Allora, noi, come hai giustamente detto, siamo una software house e quindi sviluppiamo software per vari settori. Siamo collegati al settore dell’automazione industriale e al settore di cui siete si sente tanto parlare ultimamente il settore della 4.0. La nostra società sviluppa software per tecnologie in azienda legate anche soprattutto all’automotive per la creazione di vari processi e prodotti. Principalmente ci occupiamo di traceability, quindi sviluppiamo software per raccogliere tutti quelli che sono i dati di produzione di una costruzione di un particolare elemento, dalla prima fase, diciamo della materia prima, e tracciamo tutto il processo di produzione e tutta la costruzione degli elementi fino al packaging e alla vendetta finale.

[A.B.] In che modo integrate l’intelligenza artificiale nella quotidianità di quella che è l’attività in produzione?

[F.S.] Applichiamo queste tecnologie di intelligenza artificiale su sistemi visivi, quindi: immaginiamo di avere montato su un organo mobile come un robot una camera, diamo a questo robot innanzitutto la capacità di vedere, di acquisire che cosa sta facendo e che cosa si trova davanti; in più andiamo a fare proprio analisi di qualità che sfrutta la tecnologia dell’intelligenza artificiale.

[A.B.] In partenza però chi è che insegna all’intelligenza artificiale come riconoscere i prodotti difettosi?

[F.S.] La prima fase, l’imprinting del software per l’analisi, lo diamo noi attraverso il nostro staff e i nostri tecnici; dopodiché attraverso una procedura che si chiama di train il sistema richiede, specialmente all’avviamento, un’analisi e una continua dichiarazione di quelle che sono le sue acquisizioni le sue logiche di valutazione. A questo punto passa l’onere di fare questa attività al tecnico di campo.

[A.B.] Sono attività che richiedono continuo sviluppo, continua continua ricerca, e anche voi siete alla ricerca sempre di nuove leve.

[F.S.] Esattamente Alessandro. Quello che cerchiamo sono sempre tecnici preparati con una preparazione di base universitaria perché appunto sono concetti molto complessi.

[A.B.] E avete messo a disposizione un premio di laurea proprio per sostenere in qualche modo queste giovani leve che vogliono entrare nel mondo del lavoro e, in collaborazione con aziende come la vostra, riescono quindi a mettere a disposizione la loro conoscenza e quello che stanno studiando che hanno studiato per le nuove tecnologie.

[F.S.] Esatto. Il nostro intento, proprio attraverso questi premi di laurea che, anche quest’anno, grazie a Vivat Academia, per il secondo anno consecutivo, teniamo a rinnovare e a premiare un nuovo studente volenteroso e caparbio, sono incentivi importantissimi quindi noi crediamo veramente tanto che sul nostro territorio attraverso l’Università di Bologna, l’Alma Mater, si avvicinino sempre più studenti a queste tecnologie che poi ad oggi, oggettivamente, è uno dei settori più richiesti e più in evoluzione. Quindi vogliamo affiancare, appunto, gli studenti nell’incentivare e nell’introdurli nel più breve e nel miglior modo possibile nel mondo del lavoro qualora fossero interessati a questi settori

[A.B.] Si parla di un premio di laurea, quindi verranno presentate e diverse tesi su un argomento specifico. Qual è l’argomento?

[F.S.] Allora, l’argomento specifico è appunto l’intelligenza artificiale, concetti di deep learning applicati ai processi produttivi.

[A.B.] Se volete saperne di più, ricordo che tutte le informazioni le potete trovare sul sito di Vivat Academia che è www.vivatacademia.org. Lì trovate le informazioni relative al premio di laurea, il modulo per potervi iscrivere, per candidarvi quindi al premio di laurea messo a disposizione da Neocodex.

Fabio io ti ringrazio, ci vedremo sicuramente nei prossimi nelle prossime settimane, nei prossimi mesi, con altri incontri per definire quali sono gli argomenti ed entrare più nello specifico degli argomenti del premio di laurea in particolar modo appunto per quel che riguarda l’intelligenza artificiale e poi sicuramente, come abbiamo fatto l’anno scorso, perché ricordo che Neocodex anche l’anno scorso, come anticipato prima, aveva messo a disposizione un premio di laurea, ci rivedremo poi per la cerimonia di consegna e di premiazione allo studente che si è aggiudicato il premio di laurea.

[F.S.] Non vediamo l’ora.

[A.B.] Grazie Fabio, buona giornata.

[F.S.] Grazie ad Alessandro buona giornata

Condividi sui social:

Lascia un commento